giornata-memoria-2018-002-thumb_highlightcenter175907

27 GENNAIO GIORNO DELLA MEMORIA

l Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto. È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, durante la 42ª riunione plenaria. La risoluzione fu preceduta da una sessione speciale tenuta il 24 gennaio 2005 durante la quale l’Assemblea generale delle Nazioni Unite celebrò il sessantesimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento nazisti e la fine dell’Olocausto.

Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe sovietiche della 60ª Armata del “1º Fronte ucraino” del maresciallo Ivan Konev arrivarono per prime presso la città polacca di Oświęcim (in tedesco Auschwitz), scoprendo il vicino campo di concentramento di Auschwitz e liberandone i superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l’orrore del genocidio nazifascista.

Approfondisci

61yd83ybwel-_ss110_

“Bancarella 2018”, vince Dolores Redondo con “Tutto questo ti darò”

La scrittrice basca Dolores Redondo ha vinto la 66esima edizione del Premio Bancarella con il libro “Tutto questo ti darò” (Dea Planeta) che ha ottenuto 142 voti dei librai. “Quando una coppia di agenti in divisa bussa alla sua porta, Manuel, scrittore di successo impegnato nella stesura del prossimo bestseller, intuisce all’istante che qualcosa di grave deve essere accaduto ad Álvaro, l’uomo che ama e al quale è sposato da anni. E infatti il corpo senza vita del marito è stato ritrovato al volante della sua auto, inspiegabilmente uscita di strada tra le vigne e i paesaggi scoscesi della Galizia, a chilometri di distanza dal luogo in cui Álvaro avrebbe dovuto trovarsi al momento dell’incidente. Sconvolto, Manuel parte per identificare la salma ma, giunto a destinazione, si ritrova presto invischiato in un intrico di menzogne, segreti e omissioni che ruota attorno alla ricca e arrogante famiglia d’origine del marito. Con l’aiuto di Nogueira, poliziotto in pensione dal carattere ruvido, e di Padre Lucas, il prete locale amico d’infanzia di Álvaro, Manuel indaga sulle molte ombre nel passato dei Muñiz de Dávila e sulla vita segreta dell’uomo che si era illuso di conoscere quanto se stesso. Serrato, sorprendente e ricco di atmosfera, Tutto questo ti darò è un thriller psicologico dalla sensibilità finissima, capace di indagare con la stessa lucidità le dinamiche del cuore e quelle – troppo spesso malate – della società”.

Approfondisci

7898984

La ragazza con la Leica di Helena Janeczek ha vinto il premio Strega 2018

Helena Janeczek ha vinto il premio Strega, il più importante premio letterario italiano, con il romanzo La ragazza con la Leica. Era dal 2003 che una donna non vinceva il premio: allora aveva vinto Melania Mazzucco con Vita. In tutto dieci scrittrici hanno vinto lo Strega dalla sua prima edizione, nel 1947, compresa Janeczek.

Janeczek ha 54 anni, è nata a Monaco di Baviera in una famiglia di ebrei tedeschi ma vive in Italia dal 1983 e ha la cittadinanza italiana da anni. Tutti i suoi libri precedenti (ad esempio Le rondini di Montecassino) sono stati scritti in italiano, fatta eccezione per una raccolta di poesie del 1989. La protagonista di La ragazza con la Leica è Gerda Taro, fotografa tedesca morta a 26 anni durante la Guerra civile spagnola, nel 1937. Fu investita da un carro armato durante un bombardamento aereo. Il romanzo, basato su fonti storiche, ha per protagonisti molte altre persone realmente vissute, primo tra tutti il celebre fotografo Robert Capa, che fu compagno di Taro.

La ragazza con la Leica è stato pubblicato da Guanda.

Approfondisci